Fisioterapia


Il fisioterapista cura le patologie della funzione motoria e le sintomatologie dolorose dell’apparato locomotore attraverso l’esercizio terapeutico, l’applicazione di mezzi fisici e le tecniche manuali.

I due termini che caratterizzano la professione sono quindi cura e funzione. Il fisioterapista ha come obiettivo innanzitutto la cura della funzione motoria. La crescita dell’età media della popolazione e la sopravvivenza di pazienti che, dopo gravi malattie, hanno esiti alla funzione motoria, rende sempre più importante la cura delle disabilità, cioè delle limitazioni nel compiere le normali attività.

Il senso generale del lavoro del fisioterapista è proprio quello di migliorare la qualità della vita dei soggetti con invalidità motorie, diminuendone il più possibile la disabilità.

Il senso generale del lavoro del fisioterapista è proprio quello di migliorare la qualità della vita dei soggetti con invalidità motorie, diminuendone il più possibile la disabilità. La professione richiede ampie competenze tecnico-scientifiche che consentono di attuare la valutazione funzionale, il trattamento fisioterapico e la valutazione dell’efficacia del trattamento stesso. La formazione prevede lo studio delle scienze di base e di quelle cliniche, con una particolare attenzione a fisiologia, fisiopatologia e movimento, oltre che lo studio delle tecniche di riabilitazione.



Per i tempi medi di attesa per le prestazioni si faccia riferimento la tabella riepilogativa >>

Terapie

D'avanguardia Tecnologica